Archivio | marzo, 2007

A EMANARE VAMPE

26 Mar

Sulla dirittura geometrica
delle traiettorie
– obiettivo
il segmento breve-
ecco i virtuosismi palabratici
nel parallelepipedo di metallo,
gola di drago
a emanare vampe
per cantare le assolute assenze,
a smuovere – alfin -l’essenza
in sfibrato rantolo.

Annunci

NEL CASTO BIANCORE

19 Mar

Nel casto biancore
dei sogni eradicatori,
nell’ effrazione
di una realtà macroscopica
– e monca-
( realtà messa a bagno
in una soluzione di acidi,
e smossa dalle misteriose
sorgenti galvaniche)
mi rigetto nel giacimento
di anime,
nel mondo calcareo
delle caverne.

PER LA MIA PROPENSIONE

12 Mar

Tra letargia e furia
( animale
colpito da lance
che trema in un angolo)
getto le basi,
collego i punti,
mentre il panico mi tocca
alla base della spina dorsale
come le dita di uno straniero,
per la mia propensione
a spezzarmi nel vento.

SOTTO LA LINEA

5 Mar

Gettata alla solitudine
– come i grani
di una semenza sconosciuta-
incrostata
– come le iscrizioni
degli imperi primitivi
nelle gole dei fiumi –
sono sintagma
nelle latomie
di pensieri palindromi,
scivolata nell’anno zero,
sotto la linea delle ascisse.

PS:
"sono sintagma
nelle latomie
di pensieri palindromi"
sono dei versi che a mio giudizio " suonano bene"
ma hanno pure un significato, li ho utilizzati
per significare che:
" sono una struttura sintattica alla ricerca del mio proprio senso
all’interno di "prigioni"
prigioni di pensieri che si presentano come giochi linguistici con un che di enigmatico
e pure di bifronte"
Come vedete le poesie sono metaforiche,
anche se pure di difficile lettura,
altrimenti sarebbero "prosa", o no ? 🙂

Roberto R. Corsi

Di poesia e di letteratura, dal 2006. Se continua così, il contatore accessi giornalieri va in negativo, ma fa lo stesso.

Alimede

Poesia, Filosofia, Arte, SpiritualitĂ 

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Trame tizianatius

"Dell'insensato gioco di scrivere" o del suo male

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.