Archivio | luglio, 2007

LA FERITA

24 Lug

Nell’impalpabile
frode del dio
– così palese da offuscare
la stessa deità radiante –
ero come in deliquio,
mutante notturna creatura
all’interno del mio proprio
ammollito perimetro.
Galleggiando
nel campo gravitazionale
del grande padre
mi perdevo dunque
nelle osservazioni diametrali
delle orbite,
anelando al necessario coagulo,
così simile
– oh, così simile-
a sale che viene
dall’immensità
di vuoto oceano.

Annunci

SUPREMO GRIDO

7 Lug

Cerniere di piombo
occludono
una bocca macerata
a cui precluso è il supremo grido.
Sospesa
tra l’anatema e l’estasi
srotolo
il mio spossessarmi
ai piedi di un Moloch sacrificale,
con le stimmate
della predestinata,
e cicatrici antiche.
Fonemi intraducibili
– pallide ombre
di una lunga
persecuzione perbene,
strascinata bava
di un’assenza –
si fanno parole del destino,
al cospetto
di demiurgo perverso.

Trame tizianatius

Dell'"insensato gioco di scrivere" o del suo male

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

LA PRESENZA DI ÈRATO

La presenza di Èrato vuole essere la palestra della poesia e della critica della poesia operata sul campo, un libero e democratico agone delle idee, il luogo del confronto dei gusti e delle posizioni senza alcuna preclusione verso nessuna petizione di poetica e di poesia.

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Amare o parlare d'amore. Solo una cosa ti sarà concessa.