E PURE CON TANTI VULNERA

18 Feb

Non si cantavano novene
non uscivano fercoli per le processioni
al richiamo del Salvamento,
purchessia.
In collazione di frammento a frammento
(e in vomitazione incessante)
bisognava piegare il capo
alla fatica improba
di quell’amore da avvoltoi
in cerca sempre di carogne
da portare in una tana.
E pure con tanti vulnera
– e il timore vago
che il non dolorare
significasse forse perdere
qualcosa di irreparabile-
si accettava allora
la crudeltà del limen,
poiché lo si era sempre
saputo in fondo:
sopravvivere alla Verità Terribile
impone – cava e sola-
quella stretta angolazione angusta
dove nessuno torna mai
a dare luce al lume.

Annunci

2 Risposte to “E PURE CON TANTI VULNERA”

  1. erremme febbraio 23, 2008 a 8:08 pm #

    già letta sedimenta nel mio utero creativo..
    roberto

  2. DOMACCIA febbraio 24, 2008 a 10:28 am #

    sì, già lo sapevo, speriamo che sedimenti bene…:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: