Archivio | marzo, 2008

INANE A SMISURARE

26 Mar

In the great trouble,
oh, qui, sì, qui,
in questo scalmanato caos
di sepolcri imbiancati
(lì i dolori a calendarizzare
quand’anche rimarrebbe
da impetrare solo
degli organi cerebrali finanche
l’ablazione
dopo secoli di testamenti,
e il trionfo di un arte poco esatta ,
da imbalsamatori incauti)
per quell’inquiesciente, e eretico
-per sempre e ex novo abbrugiato vivo-
ecco il ritmo dell’obbrobrio,
per quella sua nomenclatura
insapienzale e improvvida,
la lingua invano a perforare
quale ferro rovente,
gli occhi senza vista
perchè la linea d’ombra
è pure quella stessa parca Luce,
e il dogma o il canone
diaframmi azzurrati a calcinare il grido.
La carne pur tuttavia resta una carne,
e nell’overkilling
(fatto subire storto solo
a quei pochi non disumanati)
l’inno sacro questi – sciagurati e puri-
lo pronunciano quale feticcio:
"MEHR NICHT” “Non Più, basta!”,
per poi essere accompagnati
al Suo Nome e ai suoi Tabernacoli
da un’onda lunga dal colore di sangue
inane a smisurare lì,
lì, per ogni dove,
lì sul terreno anch’esso tutto solo,
– e smorto-
sotto quel sole crudo del solstizio


15 marzo 2008










Annunci

SENTO UN CORPO

19 Mar

Dai rovesciati visceri
sibilla a divinare
sento un corpo
– einer korper-
nel suo momento consumativo,
al compimento delle Solitudini,
quando i nomina scossi sventurano,
lo spurgo a superare
di una giugurale insuturata,
il limite a segnare
delle coltivazioni morte.
E si era pure stati zelanti,
e con il capo chino,
ma ora si doveva penare
per gli altrui misfatti:
e certo tutti avrebbero potuto esecrare
a proprio piacimento,
ma a che sarebbe servito
se non con l’ombra a confutare,
dissertazione abortita in nuce
e alla luce,
scabra a segnare solo
quell’accumulo stocastico
di forche sempre pronte,
e senza nemmeno potere pietare,
di avere gettato alla pietra
ogni nostro insano inseme a germinare.

DI QUEL MISERERE

6 Mar

Cosa dalla propria linfa tolta
– lungo le coste dissossate dall’Onda-
nella funeraria furia
di un miserere slacrimato
sversata sono ,
giù nello sprofondo- e nella sepsi-
tra i criptogrammi
di quella mera elaborazione dottrinale
con quel suo assioma del tutto vuoto
(e finanche abnorme, forse)
e pure tra quelle vacue mosse laterali
da gioco dell’oca- quello terribile-
dei demoni dei contrafforti.
In quello stretto vicolo
di un enunciato pur breve
i Devastanti
segni indelebili
(e di dura patogenesi osmotica)
hanno lasciato dunque,
e il resto è solo spoglio,
per il disubbidiente del crimine,
di quel pactum sceleris.
E c’è qualcosa di indetto
– e di indicibile-
che dal ventre sale,
e delle viscere è iato,
perchè non solleva affatto,
l’anima vedere dei colpevoli,
quando si sa che i delitti
neppure con il tempo
svanire possono.
E in questa benefica
( quand’anche puressa obtorta)
tregua dalle grida,
sola residua
quella stessa disragione seminale,
con il suo frantume,
e il divoramento dall’interno
– e dell’interno tutto-
sempre lì a lavorare alla cieca,
e nel buio sempre,
quale Misfatto.
( E mentre in ruina cruelmente
a freddo incendiato viene
lo Stabulario intero,
tra quelle secche e storte e estorte
maletudini mortuarie
dal ritmo cerebrale tamburato,
nel declive a rinculare,
giusto lì,
lì a rovinare strette)

Roberto R. Corsi

Di poesia e di letteratura, dal 2006. Se continua così, il contatore accessi giornalieri va in negativo, ma fa lo stesso.

Alimede

Poesia, Filosofia, Arte, Spiritualità

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Trame tizianatius

"Dell'insensato gioco di scrivere" o del suo male

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.