Archivio | aprile, 2008

PER FERMARE L’ANIMA

14 Apr

L’analfabetica memoria
della sofferenza patita
era sempre lì lì per crepitare,
tra i colpi e gli avvertimenti.
“Egli sarà come un tamerisco nella steppa”
– era stato scritto, e detto-
E forse era stato davvero così,
ma si era trattato
di un seminatore di marcio,
e puramente esequiale,
e dell’Unzione la pietra.
E ora lei
– in stretta divinazione
con la sua stessa morte-
poteva ostentare come stimmate
il nudo nitore del Fatto,
per fermare forse l’anima con una morsa
qualora essa andasse alla deriva
lungi dal corpo,
un nome estratto da un’urna,
e pure lei la sola Reliquia morta.

Annunci