UN UNICO GRIDO SOMMERSO

30 Ago

E era un cielo pallido
– grigiorosa-
  e si stemperava nel nulla,
nelle manifestazioni paradossali degli adroni…

 Ma tutto aveva esattamente
l’aspetto di quello che era,
gli amanti come piante acquatiche,
-attraverso le acque irate-
nel caos di quella nosografia
non ancora svelata:
si inabissavano vivi in quella tabe,
con una innocenza da resuscitati
come se per un miracolo fossero scampati ai loro  assassini…
Attraverso l’aria
… così immota..
vibrava uno di quei suoi  nudi ricordi segreti,
che sapevano di fiori spiaccicati sui sassi
– esotici e palpabili:
il cielo violetto a tratti si squarcia,
lei dà un unico grido sommerso
e la sua voce si fa bianca,
come se infine vedesse apparire a poco a poco
qualcosa che non sapeva di aspettare-
pare un viso astratto
– assente-
che si fraziona in decine di bianchi soli,
un’amorfa macroscopica macchia,
un’ostia all’elevazione:
è intrisa di sangue,
è sul caduco margine.

Annunci

2 Risposte to “UN UNICO GRIDO SOMMERSO”

  1. cosentinonico settembre 7, 2009 a 10:19 am #

    mi hai catapultato, con le tue parole, nei luoghi che hai vissuto

  2. DOMACCIA settembre 7, 2009 a 2:01 pm #

    gentile cosentinonico, grazie di avermi riportato le tue impressioni-sensazioni nel leggermi , se sei stato “catapultato” mi sa tanto che hai percepito una certa energia, ehh :-))
    ciao, un saluto a te…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Roberto R. Corsi

Di poesia e di letteratura, dal 2006. Se continua così, il contatore accessi giornalieri va in negativo, ma fa lo stesso.

Alimede

Poesia, Filosofia, Arte, Spiritualità

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Trame tizianatius

"Dell'insensato gioco di scrivere" o del suo male

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: