NEL MEDICARE LA PIAGA, UNA FERITA RIARSA

11 Ott

" E venne la notte,
le stelle cominciarono a accendersi:
lo pensavo ancora più fragile,
un grande cristo nero e sanguinante
che prendeva tutta una parete…"

Ai limiti della allucinazione
– come aspettando una rivelazione-
attendeva ciò che la sovrastava,
nel medicare la piaga
una ferita riarsa,
quel nocumento,
l’Indistruttibile come un amore rifiutato,
 -di tutto quello che ardeva per dischiudersi.-
Ma quella non era la salvazione
– lei si era permessa di presumere-
al fine di un convincimento più assoluto,
il suo preferito argomentare era sulle anime dannate,
che cosa preconizzasse quella fredda luce correlativa.,
Mentre il fuoco sopravviveva
– fuggevole impressionre
nel buio più buio.-
era colpita, trafitta,
sul corpo suo si tese- a rimuginare –
doveva esserci qualcosa,
– una notazione sulla nostra vita cauterizzata-
non voleva essere succube.
"Torna nella città maledetta-"
sembravano dirle quei devastati cuori:
immobili, fissi, divoranti. avvolti nel silenzio,
come una muta di cani, erano.
E un afflitto le rispose allora con labbra esangui:
"Su quella casta morte,
dovrai perdonare l’imperdonabile.."
(Lei era calma, ormai.
per tutta la vita,
si era preparata, al grande evento,
se fosse in grado,di tollerare- il tremendum-
quel verdetto…).

Annunci

3 Risposte to “NEL MEDICARE LA PIAGA, UNA FERITA RIARSA”

  1. Chapucer ottobre 14, 2009 a 2:04 pm #

    il fuoco sopravvive così come sopravvive l’anima dannata che è in noi.

    Ciao Dom, ti aspetto…

  2. DOMACCIA ottobre 14, 2009 a 4:34 pm #

    ah, vedo che tuttosommato non ti "spaventi" troppo del mio dire, cara Carla:. :sì. i temi sarebbero quelli 

    Ciao, contraccambio il tuo saluto..

  3. Chapucer ottobre 14, 2009 a 5:04 pm #

    mi sto abituando alla tua oscura vibrazione…;*)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Roberto R. Corsi

Di poesia e di letteratura, dal 2006. Se continua così, il contatore accessi giornalieri va in negativo, ma fa lo stesso.

Alimede

Poesia, Filosofia, Arte, Spiritualità

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Trame tizianatius

"Dell'insensato gioco di scrivere" o del suo male

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: