E ERA ABBAGLIANTE COME RIVELATO

15 Nov

E era abbagliante
– come rivelato-
quel suo sguardo ferito:
aveva voluto conoscere la causa prima,
come se una qualche condanna
dovesse spettare anche a lei…
( Ma noi, noi tutti ,
non avremmo saputo escogitarlo,
il teatro infernale, quei brani segnati,
i figli che devono soffrire per i peccati dei padri…)
Al fine di non contrarre contagio
quali delitti si perpretano
– lentamente, quasi sacramente-
nella normale proliferazione di ogni deriva;
e forse lei era nata per precipitare,
in quella bellezza muta dei mondi curvi- e riflessi-
tra gli steli e quei crani di calcare
( in tonnellate focali
di un pesante silenzio azzurro,
con il loro carico di annegati, 
-e lì nelle gore-)
Ma nel giorno dedicato al compiuto martirio
non aveva fretta – la bestia- di finirla:
e in quell’aria dilavata
era il resto incalcolabile,
la decollazione di ogni lingua fiorita,
e c’era il serpente nel cuore della madre,
( Un abisso si aprirà sempre per noi,
anche questo tuo posto può andare a fuoco,
ci sarà sempre la sfigurazione
– di quel nostro viso di vetro-
e nella vorace bocca della divinità).

Annunci

8 Risposte to “E ERA ABBAGLIANTE COME RIVELATO”

  1. Aleteia novembre 18, 2009 a 7:06 am #

    la tua voce poetica brilla sempre "con raggi di tenebra, come una tragedia consumata"
    M_

  2. anonimo novembre 18, 2009 a 8:35 pm #

    i figli devono soffrire sempre per i peccati dei padri
    crudele destino
    se poi la bestia non aveva fretta
    di finirla
    quali abissi potranno attenderci?

    mia cara Dom, i tuoi scritti sono immagini di forza, nonostante
    l’imperiosa sofferenza.

    C.

  3. DOMACCIA novembre 19, 2009 a 4:04 pm #

    carissima Margot, trovo molto vero ( e ben espresso) ciò che dici nel tuo commento: tra l’altro è proprio "una tragedia consumata"  ti ringrazio per leggermi profondamente, allora!:-))
    un carissimo saluto, ciao

  4. DOMACCIA novembre 19, 2009 a 4:11 pm #

    "forza, e imperiosa sofferenza".. mi sa tanto che io sono una specie di "caso", forte delle mie debolezze  !
    ( tra l’altro, il termine "sofferenza" cerco di analizzarmelo etimologicamente per farmelo "aderire" a pelle, diciamo: e poichè significa "portare sotto" concordo,  mi ci ritovo sempre più..

    vedo che anche tu, cara Carla mi "conosci" e non è una novità

    grazie tante per i tuoi passaggi qui   un bacione, ciao

  5. Chapucer novembre 21, 2009 a 7:08 am #

    ricambio il bacione, cara Dom 🙂
    Buon week end…
    C.

  6. DOMACCIA novembre 21, 2009 a 4:58 pm #

    anche a te buon fine settimana, gentile carla, sempre con pensieri gentili!:

  7. Aleteia dicembre 11, 2009 a 7:36 pm #

    ti  rileggo spesso e talvolta a leggerti piango
    M_

  8. DOMACCIA dicembre 18, 2009 a 5:26 pm #

    Carissima Margot; te lo dico chiaramente: mi hai davvero lasciato delle parole importanti, di cui non ti posso che ringraziare intimamente… non le dimenticherò certo…
    un abbraccio grande, un saluto caro…. ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Roberto R. Corsi

Di poesia e di letteratura, dal 2006. Se continua così, il contatore accessi giornalieri va in negativo, ma fa lo stesso.

Alimede

Poesia, Filosofia, Arte, SpiritualitĂ 

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Trame tizianatius

"Dell'insensato gioco di scrivere" o del suo male

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: