Archivio | marzo, 2010

LE ASCESE ERANO INTERMINABILi

24 Mar

…E arsero quei fiori di fiamma,
sembravano una cascata rossa…

Lei non temeva quella stagione,
di limo e di erba esausta sotto il sole,
con gli elicrisi che durano tanto.
E cercò il tepore impuro,
venne posseduta
( anche il cielo pareva,
sul punto di cedere)
Oltre l'amore- suo compimento-
era passato tanto tempo,
rimaneva l'elenco dei reperti,
– ogni pietra era proprio una pietra-
come quei volti a fiore di acqua degli annegati
che nessuno ritrova mai,
come le orbite di una luna morta.
E le ascese erano interminabili,
tetro quel catechismo:
una ferita vi era, beante nel petto.