Archivio | luglio, 2011

LA LUNGA CONVULSIONE SENTE

11 Lug

Malata di morva
la lunga convulsione sente,
quel biancore ardente di gelo:                                
fermato il deflusso del sangue
  come da una arteria aperta
risulta inerzia agli apicali
-e con crepitazioni,
i piccoli fuochi mai spenti…
Dileguava ora quel pallore,
nel canto dell’ultimo uccello azzurro,
nel mutilato tempo;
e il cielo era ormai vuoto di colori:
non rimaneva che l’eco della verde  radiosità,
laggiù oltre i monti-
  fino tra i disfatti
[…Oh, ma le acque nel bosco erano nere
terribilmente nere..
 così silenziose… terribilmente silenziose…
Le nostre ossa si sciolgono-
– in tutto questo urlio-
e c’è l’occhio violaceo dell’animale
(quello di tutti li curvati)
il taglio bianco della pelle
– quei fasci denudati dei lunghi muscoli
e a scorticare.]

Annunci
Trame tizianatius

Dell'"insensato gioco di scrivere" o del suo male

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

LA PRESENZA DI ÈRATO

La presenza di Èrato vuole essere la palestra della poesia e della critica della poesia operata sul campo, un libero e democratico agone delle idee, il luogo del confronto dei gusti e delle posizioni senza alcuna preclusione verso nessuna petizione di poetica e di poesia.

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Amare o parlare d'amore. Solo una cosa ti sarà concessa.