VI ERANO SOLO LE MORTE TORRI

19 Ott

"Ecco il fiume di parole
di tempo di sangue
quelle visioni,
gli angeli e la città di ghiaccio
– oscuri nello splendore…"

Nei grandi inghiottitoi
il popolo degli abissi
non osava emettere le meditazioni vaste e ingrate,
le figure verbali di un enunciato vuoto
( oh, la astrazione magnifica!).
Al fondo dei giardini stretti
– tra i fanatici dell'apocalisse-
ricreava lei un sè stesso ipostatizzato,
di terribile innocenza,
di estatico sguardo ai luoghi alti e remoti.
Vi erano solo le morti torri,
una gioia crudele,
quelle declive parti con le disgiunzioni tutte:
nella cupa rettitudine la penitenziale pratica,
 la dendritica derivazione
( e la Incisura ,la elementare verità nuda).

Annunci

5 Risposte to “VI ERANO SOLO LE MORTE TORRI”

  1. almerighi ottobre 19, 2011 a 10:27 am #

    hai tratteggiato e costruito un panorama senza speranza, di morti torri per l'appunto, ma non posso non negare, pur in assenza di speranza e verità, la qualità con cui hai versificato

  2. almerighi ottobre 19, 2011 a 10:28 am #

    dimenticavo, stiamo tornando su thecatswillknow, torna anche tu!

  3. DOMACCIA ottobre 21, 2011 a 6:41 am #

    Caro almerighi:-))ti ringrazio: è ben vero che una visione "senza speranza( ma non senza verità come invece dici tu…) può procurare disagio in chi legge, ma l'importante – in poesia aturalmente- è che abbia una certa struttura, e ti ringrazio per l'osservazione sulla resa qualitativa.. sei attento, grazie!!

    ( sì, non sarebbe male la possibilità di riattivare thecatswillknow, un bel gruppo:-)) grazie dell'invito da parte tua
    ciao, un saluto!

  4. Aleteia ottobre 21, 2011 a 4:31 pm #

    questi visioni oniriche e senza scampo a cui hai abituato i tuoi lettori, Dom, sembrano arrivare direttamente da un futuro sfatto di umanità

    sei terribilmente grandiosa o grandiosamente terribile… come preferisci

    un saluto

  5. DOMACCIA ottobre 21, 2011 a 7:53 pm #

    E io, carissima Aleteia, penso che tu abbia fatto un commento"terribilmente acuto":-)) che certo ti deriva anche dal fatto che tu mi leggi da tempo- attentamente e costantemente( te ne sono molto grata davvero)
    penso che , per i miei testi , questo sia un commento rivelatore, e che, in quanto tale, mi commuove perfino..

    ciao, carissima.. sei stata generosa nel dirlo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Roberto R. Corsi

Di poesia e di letteratura, dal 2006. Se continua così, il contatore accessi giornalieri va in negativo, ma fa lo stesso.

Alimede

Poesia, Filosofia, Arte, Spiritualità

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Trame tizianatius

"Dell'insensato gioco di scrivere" o del suo male

Neobar

“Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli.” Pier Paolo Pasolini

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Eric Weiskott

Associate Professor of English at Boston College

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: